domenica 9 maggio 2010

Dieter Baumann l'Africano bianco

6 commenti:

Nick.12 ha detto...

Chi elo questo ???? hihihihi
Sembra un cioccolato bianco fra dei fondenti e al latte hihihih
Ciao Nick

Giuseppe ha detto...

Lo chiamavano l' africano bianco, ed erano i tempi in cui essere bianco, correre forte e riuscire, qualche volta, a battere un keniano, o un etiope, o un atleta del Maghreb, era considerata una grande impresa.

Anonimo ha detto...

ultimamente ce ne sono parecchi di africani bianchi: negli usa 4 scendono sotto 13 sui 5000, in spagna 5 sotto 13'20... perchè non andiamo a vedere come si allenano, invece di continuare a seguire le tradizionali idee italiane vecchie di 40 anni, solo perchè portate avanti da "santoni" che hanno autorità e potere, ma evidentemente fallimentari, visti i risultati?

oh, fare 3 sedute di qualità in 5gg è tipicamente italiano...
luciano er califfo.

Paolo Isola ha detto...

x Califfo: Io quando guardo le gare di corsa,mezzofondo o fondo, in tv, specialmente i mondiali e le olimpiadi, vedo solo africani neri nelle prime posizioni, o al limite nord-africani.
x Giuseppe: L'ultimo africano bianco è stato l'italianissimo Baldini che ha vinto le penultime olimpiadi, quelle di Atene

Giuseppe ha detto...

Ciao Luciano.
Le scuole che prediligo, nel caso del mezzofondo, sono quella americana e quella portoghese, da cui attingo informazioni per le mie sedute. Comunque mi sottopongo volentieri ad acquisire maggiori insegnamenti riguardo ciò che non conosco. Dato il tuo livello di conoscenze a riguardo, io sono pronto a correggere quelli che sono i miei errori.

theyogi ha detto...

esaltante!