sabato 12 dicembre 2009

Ritmo Veloce di Fondo Lento

Percorso in città.

- Stretching 5’ (di più non posso permettermelo)

- ritmo veloce di fondo lento. Passaggi al km 
  4’37”-4’35”-4’36”-4’34”-4’38”-4’34”-4’35”-4’36-
  4’34”-4’33” target 144-149 bpm
- defaticamento 2,6km
- stretching 15’

Sveglia ore 5’, preparativi veloci con l’abbigliamento  già pronto da ieri sera. Poche azioni di rito. Un caffè caldo senza zucchero, un bicchiere d’acqua, verifica delle condizioni meteo per la messa appunto. Oggi fa più freddo di ieri e anziché la mantellina scelgo una maglia più pesante da indossare sopra la felpa, cuffia guanti, cardio, gps, e braccialetto porta chiavi con qualche bustina di miele per emergenza.

Prima di uscire preparo i muscoli con qualche esercizio (fondamentale per le mie gambe) di stretching. Partenza subito con buon passo sciolto e fluido. Oggi ho intenzione di fare un altro fondo lento con passo agile e lavorare in combinato crono-cuore per capire ancora meglio l’influenza del training. 

Già al primo km le sensazioni sono bellissime, lo sforzo non esiste per niente, anzi lo posso definire un attimo gradevole, piacevole, appassionante e divertente.

Passo al secondo km e mi accorgo che oggi non ho bisogno di tagliare il fiato. Sono perfettamente a mio aggio. Il passo per adesso e regolare ora infatti passo al terzo quasi alla stessa media e cosi al quarto. Il cuore in gola e l’aria ghiacciata, non danno fastidio neanche loro.

Dal quinto km inizia un leggero tratto in discesa dove tendo a non accelerare voglio risparmiare un po' di energia da utilizzare nella salita che seguirà fra seicento metri. Infatti cerco di mantenere lo stesso passo anche nel tratto in pendenza e passo al sesto km sempre allo stesso ritmo.
Sono talmente coinvolto dal mantenimento del ritmo che senza rendermene conto macino metri su metri fino al decimo senza rallentamenti o accelerazioni. 

Al passaggio del decimo km più un metro rallento fino alla base effettuando il defaticamento. Tempo totale 57’52”
Non mi resta altro che iniziare lo stretching per rilassare bene la muscolatura, e sto già pensando a come effettuare la seduta di domani.

9 commenti:

Stefano Grandi ha detto...

Non ho ben capito che allenamento hai fatto...
fondo lento? forse mettendo le pulsazioni a ogni riferimento e' meglio.

Giuseppe ha detto...

Ciao Stefano ho corretto il post, aggiungendo il dato target. Per qualsiasi curiosità sono a tua disposizione.

Stefano Grandi ha detto...

Ok,hai lavorato sul medio.

Giuseppe ha detto...

Ciao Stefano, può andare bene anche la definizione di medio.
Ma nello specifico ho suddiviso i carichi con dei target stretti e più numerosi.
Quando carico sul medio il target è 149-155 bpm.

Giuliano ha detto...

Ottimo Giuseppe non mollare!

Patty ha detto...

oh finalmente si torna a correre.....

Giuseppe ha detto...

Ciao Giuliano, spero di riuscirci, perché in certi momenti il dolore delle verruche si acutizza eccessivamente, comunque grazie.

Ciao Patty, ci provo ma è dura ciao.

LO SCATENATO ha detto...

Ciao Giuseppe, sei da ammirare davvero, ti ho linkato da me, complimenti continua a correre che il mellito lo mandiamo a casa, prima o poi.

Giuseppe ha detto...

Buongiorno a te scatenato.
Mi devo scusare con te perché ho lasciato in sospeso la pubblicazione di un post sul mellito.
Ma come potrai ben capire da quelli che sto scrivendo i problemini che sto passando non sono pochi E HO DETTO TUTTO come diceva Peppino.