martedì 23 febbraio 2010

-Ho fatto fuori un'altro collinare...

Allenamento del 22 febbraio 2010
Giro in citttà
- stretching 5'
- riscaldamento corsa lenta 10'
- allunghi 5 x 100m
- corsa collinare 38'56" km 8,79
- corsa defaticante 16'19" km 2,82
- stretching 20'
n.b. nel tratto collinare, velocità media 4'25"/km, frequenza media 156 bpm.
Partenza veloce, perché sono in ritardo per l'appuntamento con i compagni di corsa. Quindi faccio appena 5' di stretching. Infatti parto con sensazioni non ottime che mi fanno sentire i muscoli delle gambe legnosi. Comunque riesco a tagliare il fiato molto presto, ma la fluidità del passo non è buona.  Cerco di non lasciarmi influenzare troppo dalle sensazioni e rallentando un po, pare vada meglio. Comunque non posso lamentarmi perché i dati che osservo sul garmin sono buoni, sia la frequenza cardiaca che il passo. Proseguo così fino alla termine del giro, e già nella mia testa arriva il pensiero che il tempo che non ho dedicato allo stretching all'inizio, lo inserirò al termine. Infatti dopo il tratto collinare proseguo con  un quarto d'ora di corsa defaticante fino a casa e poi inizio una bella seduta di stretching, che mi riporta la muscolatura in una condizione ottimale. Sensazioni Buone.

3 commenti:

Paolo Isola ha detto...

Ottima media al km. nel tratto collinare e ottime frequenze cardiache. Io queste medie al km. negli allenamenti collinari, a parte il corto veloce, e sopratutto queste frequenze cardiache medie, a parte il fondo lento, me le sogno la notte! Strano che con questi numeri non primeggi nelle gare, per lo meno non ho visto post che parlavano di tuoi risultati agonistici positivi (forse mi sono sfuggiti)

Paco Montoro ha detto...

Buenas pulsaciones y observo que haces bastantes estiramientos. Saludos

Giuseppe ha detto...

Giuseppe ha detto...

Ciao Paolo,
sto provando a correre senza esagerare, perché ho un problema al piede sx che mi segue da fine settembre. Si tratta di verruche plantari, erano tre. Due sono quasi scomparse grazie alla crioterapia ma una sotto l'alluce non vuole saperne di sparire. Quindi sono contento che ti piacciano sia il ritmo delle mie corse e sia le frequenze cardiache, ma l'unica cosa che mi darebbe più serenità, sarebbe la completa guarigione da questo problema al piede.

Hola Paco,
Vi que has introducido en tu blogroll.
Gracias por compartirlo.
He leído tu último mensaje la maravillosa historia de Jacques y Simone.
Qué envidia de Paco, Saludos y la próxima