mercoledì 14 aprile 2010

Mi dichiaro sconfitto


Allenamento del 14aprile 2010
Percorso da 10 km

- stretching 10'
- riscaldamento 4'
- Fondo lento 45'22" 4'32"/km FC media 155 bpm
- defaticamento 4'
- stretching 12'

n.b. Le salite del percorso odierno mi hanno messo ko. Ho corso con sensazioni di rigidità nelle gambe.

Ero certo e non è un mistero che il sovrappeso non è da prendere alla leggera. Il mio peso forma è di circa 76kg e il mio peso oggi è 80kg.

Gli esiti positivi degli allenamenti effettuati da un mese fino a oggi mi hanno velato gli occhi. Non per caso, ma per scelta, mi sono allenato solo su percorsi completamente in piano o in pista perché le sensazioni che mi stava creando l'allenamento in salita non mi stavano piacendo per niente.

I risultati, tra l'altro ottenuti in breve tempo, sono sicuramente ottimi, anzi di più e proprio per questo motivo oggi ho provato ad allenarmi nel percorso da 10km in città. Nel percorso sono presenti numerosi tratti in salita alcuni dei quali lunghi 2km - 1,8km – 1,3km. Ho corso con l'intenzione di tenere il passo della corsa lenta e così è stato, ma le gambe erano rigide come due pezzi di legno, il passo non era per niente agile, e ogni chilometro in più la situazione andava peggiorando.

Il primo pensiero che mi è venuto in mente "non ho effettuato abbastanza stretching" il secondo "non ho fatto sufficiente riscaldamento", e questo potrebbe anche essere, ma adesso ragionando a freddo mi rendo conto che ciò che non va sono anche i kg di troppo. E' vero che data la mia stazza, 1.85 per 80kg, le corse in salita non sono mai state facili da effettuare, ma la cosa che mi ha dato più fastidio è che al termine di ogni tratto lungo in salita ho avuto voglia di vomitare (siamo alle solite).

Sarà più faticoso e lungo del previsto riacquisire un minimo di buona condizione.

Mi dichiaro sconfitto, SALITA 1 GIUSEPPE 0.
Sensazioni negative

21 commenti:

Bellabigo ha detto...

Potrebbe trattarsi di un caso... le giornate non brillanti possono capitare e dipendere da 1000 fattori. Il difficile è, a mio parere, capire durante l'allenamento che non riesci a chiudere come vorresti e a rimodularlo in modo da chiuderlo con buone sensazioni. Dai che la prossima va meglio!!!

Giuseppe ha detto...

Accetto il tuo commento come un suggerimento di riflessione. Provare a rimodulare la seduta è la cosa migliore e anche la più difficile. Ormai il peso diventerà il mio chiodo fisso, anche se l'andamento da seguire dovrà essere mirato al miglioramento non tanto dei tempi ma sul benessere generale.
Grazie

KayakRunner ha detto...

Può capitare sempre un periodo di fuori forma per tanti motivi. Io di solito mi programmo 7-10 giorni in cui corro senza calcolare tempi e distanze, ma solo per correre e riprendere un pò la forma. In questo modo evito di demoralizzarmi.

Giuseppe ha detto...

Fuori forma lo sono da parecchio tempo, ma il punto non è questo.
La differenza tra la facilità della corsa in piano e la difficoltà di quella in salita è esagerata. Dopo tanto impegno per migliorare un po ti spiazza e ti butta giù.
Comunque il mio è un continuo viaggio tra alti e bassi, problemi di lavoro in primis, è tutto influisce. Se la mente non è serena è facile avere anche momenti di sconforto.
Grazie per il tuo incoraggiamento.

Paco Montoro ha detto...

Siempre tenemos días malos en nuestros entreno diario. Tu eres de los que estiras bastante y esa pesadez de piernas puede ser debido a otras cosas. Seguro que mañana estás mejor
Ciao amigo

Giuseppe ha detto...

Gracias por el aliento. Espero que hoy es mejor que ayer y peor que mañana
Ciao Paco

Italian JET ha detto...

Anche se non e' la stessa cosa io nel giro di 1 settimana la stessa salita piu' o meno alle stesse condizioni l' ho fatta in circa 1 minuto e 30 secondi di differenza !!!! Dipende moooolto dalla giornata te lo assicuro.
Ciao Smone

Giuseppe ha detto...

Ciao Simone, ti ringrazio per la testimonianza, in determinati momenti è bene avere conferme. A volte anche le cose che appartengono alla nostra conoscenza, per averle già vissute molte volte, abbiamo il bisogno di farcele ricordare da qualcun altro.

francoscr ha detto...

Giuseppe, per le corse in salita ci vuole un pò di tempo prima che si vedano i benefici,bisogna avere fiducia in se stessi.

RUN LIKE THE WIND ha detto...

Ciao Giuseppe, concordo anch'io sul fatto che può dipendere dalla giornata in cui le gambe non girano come vorresti, però perdere un pò di peso, senza sacrificare la massa magra e la fibra muscolare, è importante e si sente la differenza. Io nell'arco di 1 ammo da 84 a 75 ti assicuro che in corsa la differenza l'ho sentita. Un pò di pazienza, buone corse.

Giuseppe ha detto...

Ciao Franco, per le corse in salita non è un problema di crono, il grosso fastidio è stata la sensazione negativa. Non sono pessimista di natura e quindi sono cosciente che era la realtà di quel momento. Adesso faccio un po di conti e vado avanti. Non mi arrendo così velocemente, come si potrebbe capire dal titolo del post. Comunque ti ringrazio per l'esposizione del tuo punto di vista.

Giuseppe ha detto...

Ciao Run Like the wind. Come atleti riusciamo ad essere disciplinati ai massimi livelli, ma a tavola ci arrendiamo con molta facilità.
La preparazione atletica personalmente non mi crea alcuna difficoltà, anzi riesco a metabolizzare bene ogni sorta di seduta, la difficoltà è rientrare nel peso forma accettabile e per questo obbiettivo la cosa più complicata è condividere gli orari con le priorità assolute, famiglia e lavoro.

GIAN CARLO ha detto...

Le salite non saranno mai il tuo forte, ma in questi ultimi periodi avevo notato un miglioramento costante... forse fai ancora un po' pochi km settimanali, visto il tuo reale valore, per sperare di perdere qualche KG senza dover digiunare

Giuseppe ha detto...

Non vado d'accordo con il digiuno. Una macchina senza benzina non cammina.
Per la quantità insufficiente, ok.
E' il primo difetto nella lista delle cose su cui lavorare, e per migliorare su qualsiasi qualità.
Hai un bel colpo d'occhio.(Esperienza)
Ciao Gian Carlo.

ciro foster ha detto...

Tin Bota! Trad. tieni duro, i risultati (sensazioni positive)arriveranno! Ciao Giuseppe!

Giuseppe ha detto...

Ci conto, eccome se ci conto.
Grazie Ciro

Tosto ha detto...

Anch'io mi ritrovo con 2kg di troppo e sappiamo entrambe che l'unico modo per calare è una corretta alimentazione, anzi mettiamoci pure anche qualche rinuncia.
Se poi abbiniamo il tutto con molti lunghi il gioco è fatto! sembra facile :(

Giuseppe ha detto...

Se tieni conto che ho fatto la pazzia, di aderire a due competizioni brevi 5000 e 1500, in cui non sto trovando ne capo e ne coda, perché si tratta di distanze difficili da allenare con i giusti parametri di valutazione. Mi ritrovo senza elevata quantità di km, quella necessaria al consumo maggiore di grassi. Chi troppo vuole nulla stringe.

CHICO68 ha detto...

non sottovalutare che ogni kg
di troppo, incide in pianura di ca.
4/5 sec. per km, in salita questo valore può anche raddoppiare.
Arriva ai tuoi 76kg e vedrai che la salita sarà meno "irta".

ciao.

chico68

Giuseppe ha detto...

Sai Chico, sono ormai dal 2007 che corro in maniera discontinua. In alcuni momenti come quello odierno riesco ad applicare un po di metodo, e i risultati iniziano a vedersi, ma avendo poco tempo a disposizione per ogni seduta non riesco a fare quantità, e solo con l'alimentazione perdere peso a questo punto è difficoltoso. Comunque anche la tua considerazione è benvenuta, proverò a mettere in pratica.

Quique ha detto...

GIUSEPPE Ciao, grazie per aver visitato il mio blog.

Quelli cattivi sentimenti andrà rapidamente e scendono quelle di 80 kg con il pullman.

Siamo in contatto.

Saluti
Quique