domenica 30 ottobre 2011

DURISSIMO CORRERE IN SALITA.

Oggi mi posso permettere di uscire un ora prima del solito, così alle 7.30 inizio la seduta.
Per mettere in pratica un minimo di programmazione degli allenamenti oggi corro per 25,290 km allungando pesantemente i 21,870 della settimana scorsa.
Infatti per andare oltre la casa cantoniera, dove solitamente effettuavo il giro di boa, d'ora in poi ci sarà solo salita fino a Mamoiada.
Il percorso, sempre lo stesso, presenta diversi sali scendi, come riportato nell'immagine, dove i tratti in discesa non ripagano sufficientemente le energie necessarie per i tratti in salita.
Comunque le gambe reggono benino lo sforzo fino ai 21 chilometri, dal ventiduesimo in poi mi sembra d'esser diventato venti chili più pesante.
L'intensità dello sforzo per riuscire a rimanere allo stesso ritmo è tanta, proprio niente a che vedere con la corsa in piano.
Infatti dopo l'ultimo tratto della salita finale, posso permettermi un nuovo cambio di marcia per ritrovare un po' di sana velocità che mi regala un po' di freschezza nelle gambe.
Al termine della seduta la frequenza cardiaca media è di 144 bpm, la massima di 164 bpm, i chilometri percorsi 25,290, la velocità media 4'44", il tempo trascorso in corsa 1:59'50".

10 commenti:

Vincenzo DI GENNARO ha detto...

Non faccio 25k da molto tempo e chissà quando li rifarò....

theyogi ha detto...

la salita: se non ti uccide ti rende più forte....

federico vecchiarelli ha detto...

però che bellissima soddisfazione compiere un allenamento così, ti ripaga di tutto!

Alfredo ha detto...

Due ore di corsa, con una bella dose di potenziamento, immerso nel verde e nei propri pensieri... cosa vuoi di più dalla vita... :-)

Giuseppe ha detto...

@Vincenzo.
Con tutte le mezze-maratone che stai correndo, penso che aggiungere 4 km ai 21 della distanza ti venga in discesa, a parte gli imprevisti degli ultimi giorni. Comunque mi auguro che sia tutto passato.
Ciao

@theyogi.
a patto di non trovare un dirupo subito dopo la salita.

@Federico.
Ti garantisco che ti ripaga per due o tre giorni (di dolori).

@Alfredo.
Quando arriva la domenica, l'allenamento che preferisco è in aperta campagna, dove gli unici suoni che si sentono sono quelli del proprio respiro e dei propri passi che calpestano il terreno.

grinta ha detto...

in salita mi sento a casa mia
più è verticale e più carburo!
invidio i tuoi 25k! avessi il tempo per farli
quando fai salita sentimi vicino!

Anonimo ha detto...

I wish your web site could fit much better on my cell phone . I hope that you may possibly focus on this bother when you can .

In conclusion , allow me thank you for your tolerance with my English as (I'm certain you have become aware this at this moment ,), English is not my primary tongue therefore I am using Google Translate to build out what to put in writing what I genuinely intend to state.

lello ha detto...

le salite dure ma belle da correre

Giuseppe ha detto...

@grinta.
Ultimamente mi stanno appassionando più del solito.
@Lello.
Come avrai capito sono d'accordo con te.

Giuseppe ha detto...

@Anonimo.
Attendo la tua traduzione.