domenica 4 dicembre 2011

20 KM PESANTI (IN KG)

Temperatura 8°, pioggia e un po' di vento. Questa mattina è uno di quei giorni in cui non so come vestirmi. Di sicuro un giubbotto leggero ed impermeabile più capello con visiera, i guanti no quelli ma danno fastidio, sotto il giubbotto una felpa tecnica, non troppo pesante, a manica lunga. Avrei voluto indossare i pantaloncini corti ma oggi penso non convenga e allora calzamaglia leggera e idrorepellente.
Ore 07:30 sono in strada, c'è nebbia, l'acqua non è tanta e per questo anche piacevole. E' proprio un clima incerto che non permette una facile gestione degli indumenti da utilizzare infatti è molto facile sbagliare e trasformare l'allenamento in una sauna.
Al primo chilometro mi incontro con Domenico, dobbiamo decidere il lavoro da effettuare. L'idea era un 14 x 1000 ma vista la condizione della strada decidiamo per un lavoro da svolgere attorno al campo di softball nel circuito di circa 900 metri. 
Si tratta di un lavoro da 20 km da correre in soglia (157/158 bpm), con i primi e gli ultimi 5km un po' più forti, i 10km di mezzo leggermente più lenti. 
Tra il vento e la pioggia l'unico riferimento possibile rimane la frequenza cardiaca. 
I primi 3,5 km corsa lenta di riscaldamento poi aumento del passo per i 20:
2km - a 3'55"
2km - a 4'03"
1km - a 4'09"
2km - a 4'16"
8km - a 4'24"
4km - a 4'14"
1km - a 4'11"
Totale 20 km a 4'15" di media. 
Frequenza cardiaca media 157, massima 164 bpm.
1,5 km in corsa lenta fino a casa.
Unico inconveniente della seduta, dolore al ginocchio sinistro nella parte esterna. Il tipo di percorso odierno sarebbe stato meglio percorrerlo in senso antiorario, in questo caso è stato traumatico (devo decidermi a perdere ancora qualche chilo).  

11 commenti:

Vincenzo DI GENNARO ha detto...

Ciao Giuseppe, complimenti!! vai sempre forte. Oggi ho tentato l'uscita e finalmente son riuscito a fare pochi k senza dolore. Speriamo di vedere la luce. Un saluto

Giuseppe ha detto...

Bentornato Vincenzo.
Giusta progressione nei chilometri e nel ritmo, non forzare.

ciro foster ha detto...

Giuseppe, bel 'lavoro', in questo periodo di scarico sto proprio cercando una tabella che concili resistenza e velocità (dove sono un pò scarsuccio).

squonimo ha detto...

Mi tiro il collo, faccio i miei Km, poi passo sul tuo blog e capisco: sono na pippa! Bell'allenamento!

Giuseppe ha detto...

Vai Ciro, ottima scelta, resistenza e velocità è un lavoro che mi appaga.

Giuseppe ha detto...

Alessandro, riuscire a muoversi liberamente è una cosa che mi affascina, solo perché mi fa stare bene. A ognuno i suoi ritmi.
Adesso che hai trovato il metodo giusto per te, raggiungerai senz'altro dei risultati, i tempi e i chilometri di qualcun'altro lasciano il tempo che trovano.

Oliver ha detto...

Bendelletta? No eh... quando ho letto 14x1000 mi è venuto male, 14?? Aiuto...

anna ha detto...

Correre o camminare; arrivare al di là di quella curva, di quel monte, di quella valle; natura generosa e avvolgente, che dona serenità a chi la vive intensamente. Tu lo sai bene!!

Giuseppe ha detto...

@Anna.
Correre o camminare con il continuo alternarsi di sensazioni, visive, olfattive e dell'udito, sempre diverse. Tu lo sai.

Giuseppe ha detto...

@Oliver,
il dolore al ginocchio?
Un vecchio ricordo lasciato dalla bici da corsa più qualche chilo di troppo in un fondo irregolare come questo di domenica hanno risvegliato il dolore.

lello ha detto...

questo e' un allenamento interessante per conciliare distanza e velocita'....